Anche Microsoft rinuncia alla GDC 2020 per il coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Microsoft ha deciso di non partecipare alla GDC 2020 a causa dell’emergenza sanitaria globale causata dal coronavirus.

Microsoft doveva essere presente con la divisione Game Stack, l’ecosistema per sviluppatori che comprende tutte le piattaforma di sviluppo di videogiochi e gli strumenti proprietari di Microsoft, quali Azure, PlayFab, DirectX, Visual Studio, Xbox Live, App Center e Havok.

Per quest’anno terrĂ  degli eventi digitali, che saranno trasmesse tra il 16 e il 18 marzo. Nel comunicato ufficiale Microsoft ha spiegato di considerare prioritaria la salute dei videogiocatori, degli sviluppatori, dei suoi impiegati e dei suoi partner sparsi per il mondo.

Negli eventi digitali si parlerĂ  di uso del cloud nei videogiochi, dell’evoluzione dello sviluppo, del ruolo dei servizi online, di hardware di nuova generazione e del lavoro di alcuni Xbox Game Studios: Double Fine, inXile, Compulsion, Rare, Obsidian e Undead Labs.

La GDC 2020 perde, quindi, anche Microsoft, oltre a Facebook, Sony, Kojima, EA e molti altri. Molti ritengono che l’evento potrebbe essere completamente cancellato nelle prossime ore, causa le numerose defezioni.